Otto ovvero Per il diritto alla rabbia

CHI: Lucilleidi
QUANDO: Venerdì 14 agosto 2009, h. 21,30
DOVE: Piazza Mercato
INGRESSO: Gratuito
——————————————————————————-

Storia di Otto

Dopo una lunghissima gestazione durata sei anni nasce Otto, un duetto di voce e musica quasi interamente composto da me, con brevi inserti tratti da scritti di Pazienza e Lanzetta.

Si tratta, probabilmente, di uno spettacolo sulla crescita, sul passaggio dall’adolescenza in cui tutto è possibile e perfettibile a un’età adulta in cui siamo quello che siamo, percepiamo la nostra incapacità di controllare e decidere tutto quello che accade e per questo spesso maturiamo un senso di rabbia e di impotenza che è poi il nodo dal quale si sviluppa Otto, questo sentimento di incomprensione, di impreparazione, di disappunto. Al tempo stesso Otto, che è stato partorito proprio nel cuore del modello produttivo del nordest, è anche una riflessione su questo modello, questo modello che secondo me proprio non funziona, che a furia di imporci di essere “disponibili al cambiamento” ci fa dimenticare quale faccia avevamo prima di cominciare a trasformarci, questo modello che sforna termini nuovi, che trasforma la sintassi senza trasformarne il contenuto: la cultura le culture la differenza le differenze le diversità l’integrazione l’inclusione e poi?

Tecnicamente lo spettacolo si sviluppa sulla falsariga di un modello molto semplice, quello del monologo (e non tanto quello del racconto, che secondo me è un’altra cosa). La musica, che inizialmente era pensata come un accessorio, quasi come un lusso, è diventata con il susseguirsi delle repliche una parte fondamentale dello spettacolo, e la figura del musicista ha preso una forma definita all’interno della drammaturgia. Le musiche sono originali.

Insomma, tecnicamente non si tratta di uno spettacolo innovativo, perchè io sono fermamente convinta che questo non sia il tempo delle innovazioni tecniche a teatro. Anzi, io temo che la troppa, elaborata, esasperata (e pure un po’ snob) ricerca dell’innovazione tecnica possa farci perdere di vista il contenuto.

Come in tutte le epoche di grande crisi economica e sociale bisogna forse ritornare all’essenziale, ecco, e io ci torno, I come back, eu volto.

That’s all folks.

Otto ha debuttato nel marzo 2007 ad Abano Terme in occasione delle celebrazioni per la Festa della Donna ed è stato inserito all’interno nel calendario dei festeggiamenti per il cinquantenario di Arci N.A. E’ poi stato ospitato da una serie di rassegne per la promozione della cultura femminile e della cultura lesbica. E’ stato inserito nella rassegna GAI “Salernoinvita”, nella rassegna “diritto e rovescio” organizzata dalla Commissione Pari Opportunità Mosaico per la Provincia di Bologna e in diverse manifestazioni per il sessantesimo anniversario della festa della donna.

Un anno di OTTO

Riflessioni sul mutamento e sulle legittime rivendicazioni

Quando OTTO è nato ho dato per scontato che fosse un monologo. Poi, mano a mano che lo facevo, il lavoro ha reclamato due diritti:

- il diritto a una sperimentazione vocale ed emotiva nella relazione tra la voce parlata e la musica dal vivo. Per questo ha acquistato il tratto di una performance. C’è un lavoro in continua evoluzione che io e Paolo Tizianel facciamo per stare dietro alla relazione tra le nostre azioni sulla scena, un lavoro di ascolto reciproco e di sottile ma costante iniziativa, che ci ha portati a definire OTTO un “duetto di voce e musica”.

-il diritto a non essere un monologo, o un racconto, ma la messa a nudo di un’esperienza mia, privata, che prepotentemente è salita a galla in questo anno di repliche e che all’inizio non ho voluto ascoltare (mi pareva banale “parlare di me” ). Poi mi sono resa conto che se poteva esserci qualcosa di efficace in OTTO questo qualcosa si annidava proprio nel segreto di una nudità mai completamente rivelata però evidente, che mi avvicinava al pubblico in una maniera nuova, disarmante e che non conoscevo.

Per questi due motivi abbiamo deciso di regalare a OTTO la libertà di trasformarsi anche a seconda degli spazi che abita, e questo ci ha permesso di replicarlo praticamente ovunque, a partire dai teatri per finire ai buffet dei ristoranti brasiliani, passando attraverso le librerie indipendenti e le radio.

Parallelamente sono cambiati i costumi, che pur mantenendo la loro essenzialità sono diventati ambigui, sovrapponibili e sovrapposti, evidentemente simbolici.

Breve presentazione dello spettacolo

“…nei passati otto anni ho fatto, in ordine sparso e ripetutamente, la cameriera al banco, la barista, la venditrice di multiproprietà, la valletta, la telefonista, la baby-sitter, l’insegnante privata, la segretaria, l’impiegata, la bibliotecaria, la commessa, la distributrice di giornali, la distributrice di volantini, la distributrice di gadgets, la cavia al dipartimento di psicologia, la redattrice, la promoter nei supermercati, il capro espiatorio in un’ufficio particolarmente problematico, l’interprete, l’esperta (o quasi) di consumo sostenibile, la donna sandwich…”