L’ATLETA DEL CUORE

59846576_10157468234191042_724cc2802182460801024_n40920999_10155702426446088_87nod39327500313690112_n

-

Sezione Didattica
Festival Percorsi Teatrali 2019
IS MIRRIONIS – Cagliari – Sardegna
Teatro Tse – teatro del segno

L’ATLETA DEL CUORE
Masterclass di formazione teatrale
rivolta ad attori professionisti e ad allievi attori.

diretta da: Francesco Bonomo | Daniel Dwerryhouse

Periodo: 4/7 settembre 2019

Luogo: XI Edizione Festival Percorsi Teatrali – CAGLIARI Sardegna
Orario lezioni: 10.00/13.30 – 14.30 / 19.00 32 ore di formazione

La Masterclass è mirata e fornire strumenti utili al lavoro creativo, ma anche alla costituzione di un piccolo bagaglio atto a sostenere audizioni professionali.

 Percorso riservato ad un massimo di 20 partecipanti e di 5 uditori
 Saranno altresì ammessi 5 assistenti alla regia.
 La selezione dei partecipanti avverrà su base curriculare e lettera motivazionale.
QUOTA DI PARTECIPAZIONE ALLIEVI : euro 160,00 IVA INCLUSA
QUOTA DI PARTECIPAZIONE UDITORI : euro 90,00 IVA INCLUSA
comprensivi di tessera associativa e quota assicurativa
È richiesto il pagamento di un anticipo del 50% all’atto dell’iscrizione.

Scarica scheda di iscrizione cliccando qui:MODULO DI ISCRIZIONE Laboratorio – L’ATLETA DEL CUORE – PERCORSI TEATRALI 2019 -

“L’attore è simile a un vero e proprio atleta fisico, ma con questo sorprendente correttivo: all’organismo atletico corrisponde in lui un organismo affettivo, parallelo all’altro, quasi il suo doppio benché non operante sullo stesso piano.

L’attore è un atleta del cuore”.

Antonin Artaud (Il teatro e il suo doppio)

Note didattiche e programma
Crediamo ancora che valga la pena spendere la celeberrima tesi artodiana come faro mai spento per il cammino di ogni attore.
Se l’attore è un atleta del cuore allora ha bisogno del suo bagaglio di tecniche, allenamenti costanti ed esercitazioni pratiche. Tali esercitazioni prenderanno in considerazione:
Training fisico e vocale; il movimento e Il concetto di plasticità; l’analisi del testo; la definizione dei rapporti fra i personaggi; l’utilizzo del ritmo nella lingua italiana; la scrittura scenica; memoria affettiva e memoria emotiva
Invitiamo a partecipare tutti coloro che hanno il desiderio di mettersi alla prova con i testi o i personaggi tenuti nel cassetto, di lavorare insieme a noi sui propri limiti, esplorare il gesto e non solo il linguaggio, vivere il fallimento del fare.

Il lavoro giornaliero è suddiviso in tre parti:

• Nella prima parte ci concentreremo sul corpo e su un training intenso che ci aiuterà ad aprire il nostro strumento principale con tutti i suoi muscoli e tutto il potenziale creativo che vi si nasconde. Ci metteremo alla ricerca del gesto poetico che contiene e porta con sé l’essenza di un momento o di una scena.

• Nella seconda parte ci dedicheremo al riscaldamento e alla tecnica vocale per poi passare alla lettura e l’analisi dei testi proposti dagli attori o dai docenti. La lettura è la base fondamentale per il lavoro sulla parola, è il battesimo del rapporto con chi ascolta, il momento in cui percepiamo le molteplici direzioni che l’interprete può prendere, quella fase in cui la parola scritta e ferma nel tempo diventa viva e mutevole.

• Nella terza parte ci dedicheremo al montaggio e l’interpretazione di monologhi e scene. Ogni partecipante sarà autore, regista, interprete e potrà proporre propri testi o di repertorio. In maniera propedeutica giocheremo con dei personaggi e proveremo a sviluppare delle piccole scritture sceniche. “Il Re non esiste senza il povero”: ci dedicheremo all’altro nel pieno ascolto e nella consapevolezza che è il nostro sguardo a determinare la realtà e non viceversa.

I DOCENTI

Francesco Bonomo
Laureato al D.A.M.S. dell’Università di Roma Tre con una tesi sul Circo Contemporaneo, ha integrato il suo percorso accademico e teatrale a Parigi presso la Université Paris 8.
La sua formazione teatrale è eterogenea: In attività seminariali o come attore è stato al seguito di Eugenio Barba e Torgeir Wethal (Odin Teatret), Peter Brook,
Michael Margotta, Augusto Omolù, Teatro Potlach, Teatro Tascabile di Bergamo,Thomas Lebart(I.S.T.A.), Circo Darix Togni, Pierpaolo Sepe, Francesco Della Monica, Ernani Maletta, Thomas Ostermeier.

Alcuni dei registi con cui ha lavorato in qualità di attore:
Gabrile Lavia, Piero Maccarinelli, Massimo Verdastro, Pino di Buduo, Maurizio Zacchigna, Massimiliano Caprara, Matteo Tarasco, Franco Marzocchi, Fabrizio Arcuri, Paolo Rossi, Lorenzo Lavia, Michele Placido, Valerio Binasco, Henning Brockhouse, Gisella Gobbi, Jacopo Gassman, Julien Sibre, Andrea Baracco, Sergio Rubini.
Si confronta con testi e autori classici come L’Avaro e Monsieur de Pourceaugnac di Moliere; Misura per Misura, Romeo e Giulietta, La bisbetica domata e Moltorumore per nulla, Re Lear di Shakespeare; Le Notti Bianche, Il sogno di un uomo ridicolo e Delitto e Castigo Dostoevskij; I Masnadieri di Friedrich Schiller; Il vero amico di Carlo Goldoni.

Sempre come attore lavora a scritture di autori contemporanei come Stoppard, Lina Prosa, Marco Palladini, Letizia Russo, Tim Crouch, Dannis Kally, Natasha Radojcic-Kane. Eric Emmanuel Schmitt, Chris Thorpe.
Ha firmato alcune regie tra le quali:
Volkslieder.3 (un’antologia di favole dei fratelli Grimm Esopus Circus (dalle favole di Esopo). Due allestimenti beckettiani da Giorni Felici e Aspettando Godot.
Dentro di Edoardo Rossi Di Fratta
Lo spettacolo di circo contemporaneo Tramudas per il Festival di Teatro Europeo Teatro a Corte Le Quattro Gemelle di Copi. Un Uomo in Fallimento di David Lescot per un progetto internazionale italo-greco. La Paura dal racconto di Federico De Roberto. DJC Don Juan Club da Mozart-Da Ponte
(https:// youtu.be/p0hcD-mk0yI)
In qualità di attore ha lavorato per la televisive e il cinema: R.I.S; Un Medico In Famiglia; Donna Detectiv II. Un passo dal cielo.
Qualunque cosa succeda, Marcel, The Angry man, Lui è Tornato.
Nel 2007 ha vinto il Premio E.T.I. (Ente Teatrale Italiano) come “Miglior Attore Emergente”.

Daniel Dwerryhouse

Inizia a frequentare il teatro nel 1992 con il T.P.O presso il Teatro Fabbricone di Prato e si diploma al Teatro della Limonaia di Barbara Nativi nel 1998.
In questi vent’anni lavora con molti registi Italiani e non: Ugo Chiti, Stefano Massini, Bruce Myers, Gabriele Lavia, Serena Sinigaglia, Davide Iodice, Cesar Brie, Massimo Verdastro, Lorenzo Lavia e molti altri.

Ad oggi ha fatto più di 50 spettacoli tra Teatri Stabili, compagnie private e spazi off.
Nel 2007 vince una borsa di studio presso il Teatro Metastasio di Prato con direzione Federico Tiezzi e inizia unacollaborazione con il Teatro stabile dellaToscana anche con la direzione di Paolo Magelli.
Nel 2009 si trasferisce in Sardegna e inizia a lavorare stabilmente con SardegnaTeatro come attore e docente.
Dal 2015 frequenta presso il Teatro Massimo di Cagliari diverse masterclass con importanti artisti del panorama italiano e non solo: Arturo Cirillo, Scimone e Sframeli, Cesar Brie, Mario Perrotta, Roberto Rustioni, Serena Sinigaglia, Claudio Morganti, Rita Frongia, Mattia Sebastian Giorgetti e Theodoros Terzopoulos.
Durante gli anni è protagonista ed autore di altri spettacoli: “Appunti di rabbia”, “caffè Sinai” , “Le città invisibili”, “La Paura” regia Francesco Bonomo prodotto dal Teatro Stabile della Sardegna.
Interpreta molti ruoli da protagonista :
“I ragazzi di via della scala” regia Ugo Chiti,
“Amadeus Mozart” regia Stefano Massini,
“VincentVan Gogh” Giordano Bruno Guerri ,
“Lorenzaccio Dè Medici” Alessandro Riccio,
“Peer Gynt” Pier Paolo Pacini,
“Il Signor Dè Molière” Riccardo Rombi,
“Hotel Belvedere” di Odon Von Horvath regia Paolo Magelli, ”Nozze di sangue” di Garcia Lorca regia Serena Sinigaglia,
”L’avvoltoio” di Annarita Signore regia Cesar Brie.

Molti i ruoli anche da caratterista e da comico:
Siro nella Clizia regia Ugo Chiti,
Simeonov Piscik nel “Giardino dei Ciliegi” regia Paolo Magelli, Sbrigani nel “Monsieur De Pourcegnac” di Molière regia Marco Cavicchioli,
Lucenzio nella “bisbetica domata” regia Franco Piacentini e molti altri.

Si occupa dal 2010 di adolescenti e collabora con varie realtà per la sensibilizzazione al Teatro.
Da anni coltiva, inoltre, lo studio per la musica, in particolare del Clarinetto.
Ha studiato canto con Francesca Della Monica. Lavora come speaker

Info e iscrizioni.
percorsiteatrali@teatrodelsegno.com
teatrodelsegno@gmail.com
M. +39 3929779211 – T+39 070680229